Come fare per togliere lo smalto semipermanente senza rovinare le unghie


Come fare per togliere lo smalto semipermanente senza rovinare le unghie? Come si fa a togliere definitivamente lo smalto semi-permanente? La nail art fa progressi con l’invenzione dello smalto semipermanente che vi consentirà di avere mani curate per settimane senza dover togliere e rimettere lo smalto migliaia di volte.


Questa nuova tecnica vi permetterà di avere unghie brillanti grazie all’uso del gel e la praticità di un comune smalto.

Come fare per togliere lo smalto semipermanente senza rovinare le unghie

La rimozione dello smalto semipermanente è molto semplice e questo è l’aspetto più importante per le persone che magari non hanno tempo per fissare appuntamenti dall’estetista.
Basta attrezzarsi con piccoli strumenti e voilà , il gioco è fatto: vi occorre un solvente specifico per smalto semipermanente, una limetta per unghie non troppo dura e del cotone idrofilo.

Il primo passaggio.
Limare le unghie sulla parte superiore così da togliere lo smalto; bisogna avere un po’ di accortezza nel non limare troppo l’unghia, altrimenti si rovina.

Secondo passaggio
Dopo aver rimosso parte dello smalto grazie all’aiuto della lima, si passa al solvente che userete col il cotone idrofilo, passerete il dischetto imbevuto sull’unghia in modo tale che lo smalto possa ammorbidirsi per poi essere rimosso.
Si possono anche avvolgere le dita con della carta stagnola per far agire meglio l’azione del solvente per circa 15 minuti.

Successivamente potete pulire le unghie.
E’ fortemente consigliato di non riapplicare nuovamente lo smalto semipermanente dopo la rimozione, ma di stendere sulle unghie solo dello smalto rinforzante ed indurente in modo da far respirare bene le unghie; la nuova passata di smalto semipermanente potrà essere stesa solo qualche giorno dopo.

Via|donnamoderna.com
foto|Youtube.com