Risultati referendum 4 dicembre chi ha vinto dati e percentuali


Risultati referendum 4 dicembre chi ha vinto dati e percentuali. Il 4 dicembre il referendum costituzionale chiama gli italiani al voto. Chi ha vinto tra il si e il no del referendum? Come e dove vedere i risultati in tempo reale del referendum costituzionale?

Risultati referendum 4 dicembre chi ha vinto dati e percentuali

Ore 23 – Media Exit Poll: NO al 56,7% SI al 43,3% (dato skytg24)

Ore 23.40 Nuova exit poll: NO 57,7% e SI 42,3%

Media prima proiezione: No al 59,3% e Si aL 40,7%

Risultati- Repubblica.it alle ore 00.13 del 5 dicembre
Referendum, schiaffo a Renzi: No tra il 58 e il 60% 
Grillo esulta. Salvini e Meloni: “Dimissioni”

HA VINTO IL NO  con il 59,1%

Renzi parole discorso risultati referendum cosa ha detto?

Intanto ecco a voi il quesito del referendum costituzionale del 4 dicembre: «Approvate voi il testo della legge costituzionale concernente “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione” approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?»

Chi ha vinto il referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 tra il si e il no?

Per seguire in diretta e tempo reale i risultati e le percentuali di voti degli italiani sul referendum basta collegarsi online con Sky Tg 24 o seguire le dirette live dei programmi di informazioni trasmessi sia da Rai che da Mediaset.

Risultati Referendum 4 dicembre in tempo reale in Tv e streaming

Ecco dove potete seguire lo speciale Referendum costituzionale per conoscere percentuali e risultati:

Se volete seguire in streaming dal vostro Pc o tablet o smartphone i risultati basta collegarsi a questo sito.

Referendum 4 dicembre cosa cambia per i senatori a vita?

Nel caso di vittoria del Sì al voto del 4 dicembre, i senatori di nomina presidenziale resteranno in carica per sette anni

Cosa cambia per il Quirinale se vince il SI?

L’elezione – Rimarrà sempre competenza di deputati e senatori, ma a votare saranno esclusivamente i 730 parlamentari (630 deputati e 100 senatori); all’elezione non parteciperanno – come avviene oggi – i 58 delegati delle Regioni, visto che il Senato sarà composto da membri dei consigli regionali.

Il quorum – Nulla cambia nelle prime tre votazioni (servono i 2/3 degli aventi diritto). Le novità intervengono a partire dalla quarta: l’attuale Carta prevede che il limite scenda alla maggioranza assoluta (50% +1), mentre nel nuovo testo dal quarto al sesto scrutinio sono necessari i 3/5 degli aventi diritto, poi la maggioranza dei 3/5 dei votanti.

I poteri – Non cambia l’articolo 87 della Costituzione: il capo dello Stato continuerà a essere il garante dell’unità nazionale, ad avere il comando delle Forze armate e a presiedere il Consiglio superiore della magistratura. La novità è che potrà sciogliere unicamente la Camera (non più il Senato). A farne le veci, in sua assenza, sarà il Presidente della Camera, e non più il presidente del Senato. Cambia radicalmente il criterio di nomina dei senatori a vita: i 5 senatori di nomina presidenziale rimarranno in carica 7 anni e non potranno essere nominati nuovamente. Nulla cambia per gli ex presidenti: manterranno il loro scranno a Palazzo Madama vita natural durante.

COME CONTATTARE MATTEO RENZI

COME CONTATTARE SALVINI

COME CONTATTARE LA MELONI