Come scegliere e quali padiglioni visitare a Expo Milano 2015?


Come scegliere e quali padiglioni visitare a Expo Milano 2015? Soprattutto nell’ultimo periodo, in cui ci sono veramente tanti visitatori, è importante farsi un piano e scegliere quali padiglioni visitare prima di andare ad Expo. Abbiamo appena visto come saltare le code ad Expo, e adesso vediamo insieme come scegliere e quali padiglioni visitare a Expo per non perdere tempo e riuscire a visitare almeno i più belli. 

Cos’è Expo Milano 2015?

Expo è l’esposizione internazionale e quest’anno, il 2015, è incentrata sull’alimentazione ed è l’esposizione in questo senso più grande che sia mai stata vista al mondo.

Ad esporre ci sono più di 140 paesi provenienti da tutto il mondo e Expo Milano 2015 dà a tutti la possibilità di assaggiare i piatti più strani e tipici di tutti i paesi del mondo che espongono quest’anno.

Sono attesi circa 2 milioni di visitatori e in questo ultimo periodo si stanno raddoppiando i visitatori.

Per questo motivo è davvero importante avere un piano dei padiglioni principali che si vogliono vi visitare senza lasciarsi scappare quelli più belli. Ma quali sono?

Quali padiglioni visitare a Expo Milano 2015?

Fra tutti i padiglioni di Expo, ce ne sono alcuni che assolutamente sono imperdibili. Prima di tutto, per questione di principio, quello dell’Italia è uno fra quelli che vanno visitati.

  • Un padiglione molto bello è quello dell’Austria. Si tratta di un bosco in cui si può percepire il cambio di temperatura rispetto all’esterno. Sembra infatti di entrare veramente in una foresta. La diminuzione di temperatura non è voluta artificialmente dagli ideatori del padiglione, ma è un effetto naturale dato dalla naturalezza degli alberi che lo circondano. Fra le piante vi sono diverse scritte in LED molto belle che richiamano la natura. Insomma, il padiglione austriaco è un buon modo per uscire dal caos che si trova all’esterno.
  • Il padiglione del Marocco è uno di quei padiglioni che dall’esterno ingannano. Infatti non è uno di quei padiglioni che sono troppo belli esternamente, ma internamente stupisce con la sua bellezza e particolarità. All’interno vengono spiegate le differenze fra le varie aree del Marocco ed è caratterizzato da cambi di temperature e di odori. Si trovano delle installazioni davvero scenografiche.
  • Il padiglione della Svizzera è quello più spoglio ma anche quello più particolare, infatti all’interno di esso si trovano moltissimi tipi di cibi diversi che i visitatori possono prendere gratuitamente. Se ne può prendere quanto se ne vuole ma se se ne prende troppo non ne rimarrà per quelli che verranno dopo di voi. Questo padiglione spiega veramente qual’è il succo del messaggio di Expo.
  • Il padiglione del Giappone è quello più tecnologico e particolare in cui viene ricreato l’ambiente delle risaie.
  • Il padiglione del Regno Unito all’interno del quali ci sono 170.000 pezzi che sono stati portati qui dal Regno Unito. Viene proposto un modello di abitazione futuristica che si ispira agli alveari elle api.
  • Il padiglione del Brasile che, anche se all’interno non è il più bello, all’esterno ha installato una rete su cui si può camminare cercando di rimanere in equilibrio.
  • Il padiglione della Corea del Sud si basa sulle abitudini alimentari sbagliate dell’uomo, con installazioni con i piatti più famosi del mondo, installazioni dedicate all’obesità ecc ecc.
  • Il padiglione Zero è il primo padiglione dell’esposizione e all’interno di esso si può vedere la storia dell’alimentazione dell’uomo e una installazioni in cui sono inseriti tutti i semi presenti sulla Terra.
  • Il padiglione degli Emirati Arabi Uniti in cui si può vedere un video in 3D e si può vedere una stanza dedicata alla prossima edizione di Expo che si terrà proprio negli Emirati Arabi Uniti nel 2020. Si può fare una passeggiata che sembra davvero di essere nel deserto.
  • Il padiglione dell’Angola in cui si possono vedere le tradizioni e le abitudini alimentari dell’Angola e contiene la terrazza più alta di Expo. (fonte: ilpost.it)

image