Come si divorzia e qual è la prima causa di divorzio per le coppie?


Come si divorzia e qual è la prima causa di divorzio per le coppie? A poche ore dall’approvazione delle norme che hanno trasformato in legge il divorzio breve, c’è chi si interroga sulle reali cause del fallimento delle unioni matrimoniali italiane.

Come si divorzia e qual è la prima causa di divorzio per le coppie?

A finire nel mirino dell’esercito di separati e divorziati nostrani è proprio la monogamia, un tempo fondamento dell’istituzione matrimoniale stessa. Per il 76% degli italiani e l’84% delle italiane – tutti tra i 35 e i 50 anni d’età e alle prese con una seconda unione – la monogamia non preservato il primo matrimonio dal divorzio e per molti ha rappresentato una delle cause del fallimento della relazione.

Dalla ricerca Marriage Preservation, condotta da AshleyMadison.com su un campione di 11.362 membri uniti in seconde nozze, emerge che il 79% degli intervistati si sia addirittura rivolto, senza successo, a un consulente matrimoniale nel tentativo di sanare le ferite inferte dalla routine all’intimità della coppia. Il 51% riconosce, invece, i risvolti terapeutici che le “short stories” stanno portando all’unione attuale.

Piuttosto che ricorrere a un inutile divorzio, 5 coppie su 10 legate da seconde nozze scelgono di ovviare alle crisi coniugali integrando all’esterno gli stimoli necessari alla felicità e alla stabilità della coppia.

“Chi ha già affrontato un divorzio sa quanto possano essere devastanti le conseguenze sia dal punto di vista emotivo sia finanziario – spiega Noel Biderman, CEO e fondatore di AshleyMadison.com – Con le seconde nozze, si affronta l’unione in maniera più realistica e per molti è naturale razionalizzare che la fedeltà sia una promessa impossibile da mantenere. Spesso non è l’adulterio in sè a divorare la coppia ma i silenzi e la quietanza perpetrati per tenere in piedi a tutti i costi un’unione barcollante. Ne è la dimostrazione il fatto che quanti siano stati monogami nel primo matrimonio, ne abbiano sperimentato ugualmente la deriva. Ecco che per salvaguardare la felicità della famiglia, si cerchino altrove stimoli, senza nulla togliere al profondo legame emotivo e al percorso con il coniuge”.

Tradimento terapeutica. Il tradimento ha aiutato il 74% degli uomini e il 78% delle donne a salvare effettivamente il secondo matrimonio dal divorzio: per il 59% è stato utile spezzare la routine instaurando un diverso legame affettivo; per il 72% la scappatella ha sopperito alla mancanza di intimità e rapporti sessuali con il coniuge; per il 76% ha rappresentato un campanello d’allarme utile a riscoprire il valore autentico del legame con il partner.

foto|www.divorzioexpress.com