Maccio Capatonda e il suo ‘Italiano medio’ conquista il box office


Al suo esordio al cinema, Maccio Capatonda fa centro ed è boom di incassi. Il suo “Italiano medio” infatti (prodotto da Medusa Film, che lo distribuisce, e da Marco Belardi per Lotus Production) conquista il pubblico e raggiunge in appena quattro giorni di programmazione in sala ben 2 milioni di euro (1.9720.73) con una media per copia (la prima della classifica) di 5.500 euro. Un risultato eccellente che ha portato la commedia diretta e interpretata da Capatonda.

Maccio supera la concorrenza della Jolie di “Unbroken” e fa un testa a testa appassionante con il Ben Stiller di “Notte al museo 3”, finito appunto con la vittoria di Capatonda come media per copia (5462 euro su 4977 euro) e quasi in parità come incasso (2.1898.59 vs 1.9720.73), ma con un giorno di programmazione in meno per “Italiano medio” (“Notte al Museo 3” è infatti uscito in sala un giorno prima, mercoledì 28 gennaio, derogando agli accordi fra distributori che prevedono le nuove uscite al giovedì).

Un risultato che rappresenta in assoluto uno dei migliori primi weekend in sala degli ultimi anni per il film di un comico esordiente al cinema.

La trama:

Giulio Verme è un ambientalista convinto ma a 40 anni si ritrova a fare la raccolta “differenziata” in un centro di smistamento rifiuti alla periferia di Milano. E’ depresso, triste e arrabbiato e sembra isolato da chiunque lo circondi. Poi trova uno sfogo in una associazione ambientalista , quella dei “Mobbasta” e inizia così la sua battaglia contro lo smantellamento di un parco cittadino, ma fallisce miseramente.

Un giorno però incontra Alfonzo, un suo vecchio e odiato amico di scuola che lo aiuta…con una pillola miracolosa che gli farà usare solo il 2% del proprio cervello. Così Giulio, supera la depressione, inizierà a pensare solo a sé e non più al bene del mondo e dell’umanità, un vero ‘italiano medio’.