Quando arriva Starbucks in Italia e come saranno i caffè?


Quando arriva Starbucks in Italia e come saranno i caffè? Starbucks, la catena internazionale di caffè e tante altre cose sfiziose famosissima in tutto il mondo, sta per arrivare anche in Italia. Il momento tanto atteso da tantissime persone è arrivato. Quando si pensa all’America è proprio una delle cose a cui si pensa: questi beveroni di caffè americani realizzati in qualsiasi maniera per soddisfare tutti i palati e anche quelli più esigenti. I ragazzi italiani sono sicuramente i più felici, ma chissà se anche gli amanti del caffè italiano saranno così entusiasti. Infatti per Starbucks sarà sicuramente una grandissima sfida riuscire ad entrare nelle abitudini degli italiani che rimangono sempre molto affezionati e legati alle loro tradizioni. Ma quando arriva? E come saranno i caffè? 

Quando arriva in Italia? E come reagirà l’Italia al caffè americano?

Proprio nel 2016, precisamente a Milano, arriverà la più famosa e grande caffetteria americana, la catena più famosa in assoluto: il tanto amato Starbucks!

Queste sono le notizie che arrivano dal Corriere della Sera e la conferma dovrebbe arrivare a Natale quando dovrebbero chiudersi gli accordi. Moltissime sono state le bufale che sono state diffuse in questi anni di una presunta apertura della catena americana, ma sembra proprio che questa sia una notizia in carne ed ossa senza nessun imbroglio. Queste varie notizie false che girano sul web da anni, però, non sembrano infondate, infatti è da più di 20 anni che il fondatore della catena internazionale Howard Schultz vuole aprire un negozio in Italia, ma non è mai riuscito a capire come riuscire a vendere in Italia, paese con delle tradizioni molto radicate e profonde che difficilmente si riescono a cambiare. Ma il suo obiettivo non è quello di cambiare l’Italia, ma di far conoscere qualcosa di diverso, di americano.

Schultz circa trent’anni fa, quando aprì i primi negozi di Starbucks in America, prese spunto dal caffè italiano riadattandolo alle abitudini americane. È nata la combinazione free wifi mentre si beve un caffè lungo o un frappuccino in bicchieri giganti in carta in modo da poterli bere anche mentre si passeggia per le grandi città americane. L’obiettivo di Schultz è quello di riuscire a fare in Italia quello che ha fatto in America, ovvero riadattare la sua catena ai gusti italian.

Schultz aprirà il negozio Starbucks grazie all’aiuto dell’imprenditore Antonio Percassi. Insieme sono riusciti a studiare una formula che combinerà caffè e tanta tecnologia nel centro città in modo da offrire a imprenditori e manager la possibilità di un ambiente raccolto con una buona connessione internet.

Ma chissà se anche in Italia avrà così successo; insomma, come reagiranno a questa grandissima novità gli italiani? (fonte: gazzetta.it)

image