La Francia al Cosmoprof Worldwide 2015 Bologna 20-23 marzo 2015


Ancora una volta, l’industria cosmetica francese sarà presente in forza a Cosmoprof Bologna 2015 con 48 aziende riunite sotto la bandiera di Business France – il nuovo nome di Ubifrance, l’Agenzia per l’internazionalizzazione delle aziende francesi.

La maggior parte delle aziende facenti parte della collettiva francese saranno raggruppate al Padiglione 29, riservato ai padiglioni nazionali, dove sono rappresentati tutti i segmenti di mercato: la cura del corpo, i prodotti per il viso, i prodotti d’igiene e per capelli, i profumi e gli accessori. Quest’offerta molto varia, adatta a una clientela proveniente da ogni angolo del mondo, sarà completata dalle proposte delle aziende di cosmetici naturali e biologici, raggruppate al Padiglione 21.

L’industria cosmetica francese

L’industria cosmetica francese si è affermata ormai da decenni come la prima al mondo con un fatturato di oltre 25 miliardi di euro, grazie anche alla sua grande apertura verso i mercati internazionali. Nonostante una generalizzata mancanza di dinamismo del mercato interno francese e di tutti i mercati europei, l’industria francese continua la sua crescita con performance sempre più eccezionali.

Tale industria, che detiene il 25% delle quote di mercato mondiale, rappresenta uno dei maggiori contributori della bilancia commerciale francese, generando un surplus commerciale di 8 miliardi di euro l’anno.

Costituita oltre che dai grandi campioni nazionali leader ormai mondiali quali L’Oréal, LVMH e Chanel, l’industria francese può contare su altre 600 piccole medie imprese del settore, garantendo 42.000 posti di lavoro diretti. L’indotto globale della filiera cosmetica occupa invece più di 150.000 persone e 1.500 imprese.

Se alcuni mercati, che hanno trainato la crescita negli ultimi anni, come la Russia, il Brasile o la Cina marcano il passo, la crescita è sostenuta oggi da altri paesi, soprattutto dell’Africa.

Ricordiamo che si tratta innanzitutto di un’industria e di brand di qualità e all’avanguardia in termini di innovazione: l’industria cosmetica francese è la seconda, dopo quella automobilistica, per numero di nuovi brevetti depositati ogni anno.

Il mercato francese di cosmetici

Secondo lo studio Xerfi condotto nel 2014, il mercato francese dei cosmetici (esclusi i prodotti d’igiene e per capelli) ha rappresentato, nel 2013, 8,25 miliardi d’euro, con il 45% di quote di mercato per la profumeria selettiva e il 17% per la farmacia e la GDO. Secondo gli ultimi dati rivelati da NPD Group, l’anno 2014 dovrebbe mostrare una leggera flessione (dello 0,6% rispetto al 2013) delle vendite in profumeria selettiva (2,9 miliardi di euro). Gli unici prodotti che registrano andamenti positivi delle vendite in profumeria sono i profumi e i prodotti da trucco.

Le previsioni per il futuro sono positive: XERFI prevede che il mercato francese dei cosmetici nel suo complesso dovrebbe risalire a quota 9 miliardi di euro nel 2016 per una crescita in termini percentuali del 7,3%.

Articoli in evidenza