Meloni Luxuria scontro Quinta colonna come è andata e cosa si sono dette?


Meloni Luxuria scontro Quinta colonna come è andata e cosa si sono dette? Meloni e Luxuria scontro in Tv sulle unioni vicili, sulle adozioni gay e sui figli trans. Ecco cosa si sono dette le due donne, in un botta e risposta serrato e inequivocabile.Ospite in studio de «L’Intervista» di Paolo Del Debbio – ieri sera su Retequattro – la presidente e capogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha risposto agli utenti dei social network che hanno commentato con parole offensive la notizia della sua gravidanza, annunciata nell’immediata vigilia del Family Day di sabato 30 gennaio.

Meloni Luxuria scontro Quinta colonna come è andata e cosa si sono dette?

La parlamentare ha anche replicato a Vladimir Luxuria, che su Twitter ha scritto «auguri e figli trans!». La deputata Meloni ha affermato: «Se anche mio figlio fosse gay, trans, bisex, trisex, quadrisex, lo amerei come qualunque madre ama suo figlio, ma continuerei a essere contraria alle adozioni da parte delle coppie omosessuali».

Giorgia Meloni ha definito, quello di Luxuria, il «secondo commento cretino sul mio conto»: il primo, ha spiegato la parlamentare, «lo ha fatto qualche mese fa dicendo “spero che i bambini delle famiglie eterosessuali non vengano abbandonati come ha fatto il padre con la Meloni”». A queste parole, la leader di Fdi ha ribattuto: «Proprio perché so cosa vuol dire crescere senza uno dei genitori, non stabilirei mai per legge che un bambino possa crescere senza uno dei genitori».

Dichiarazioni di Giorgia Meloni a Mattino 5 del 2 febbraio 2016

“In futuro mi verrà più difficile parlare della mia vita privata in pubblico”.
Queste le parole di Giorgia Meloni rilasciate questa mattina nel corso della trasmissione “Mattino 5” a seguito degli insulti e delle critiche ricevute sul web dopo l’annuncio della sua gravidanza al Family Day.

“Sono sempre stata molto timida– continua – in generale non mi piace parlare di me e, in passato, mi è stato contestato anche quello. Se una volta dici una cosa così naturale, in un momento di felicità e di gioia e poi ti devi sentire in colpa, probabilmente in futuro mi verrà difficile parlare della mia vita privata”.

Molti i gesti di solidarietà arrivati in questi giorni a Giorgia Meloni: dal Presidente della Camera Laura Boldrini, al Presidente del Consiglio Matteo Renzi che le ha inviato un mazzo di fiori (foto in allegato). “Non mi aspettavo i fiori da Matteo Renzi, mi hanno fatto molto piacere. Così come mi ha fatto piacere ricevere la solidarietà di tante donne obiettivamente molto distanti da me: la Presidente Boldrini ma anche la stessa Monica Cirinnà” conclude la Meloni.