Come è morta Anna Marchesini e che malattia aveva?


Come è morta Anna Marchesini e che malattia aveva? Una notizia davvero terribile. E’ morta l’attrice Anna Marchesini. Aveva 63 anni. Era malata da tempo. Lo spettacolo perde una grande donna e una grande artista.

Come è morta Anna Marchesini e che malattia aveva?

L’annuncio su Facebook da parte del fratello Gianni. «Prima che lo sappiate da quel tritacarne dell’informazione tengo a dirlo io. Ora, in questo momento ,è morta mia sorella Anna Marchesini. Grazie a tutti. Non sarò in grado di rispondervi». L’attrice era nata a Orvieto 62 anni fa ed era malata da tempo di artrite reumatoide.

Marchesini-Solenghi-Lopez, un trio che negli anni 80 e 90 ha portato in Tv e in teatro l’arte comica a 360 gradi. Oggi il trio piange la scomparsa della bravissima Anna Marchesini.

Lo scioglimento del Trio avvenne nel 1994, quantomeno nelle sue produzioni, dato che nulla lasciò intendere la fine del gruppo comico (cosa confermata dal loro recente ritorno sugli schermi per la commemorazione dei 25 anni di attività). Sembra che il motivo sia stato il desiderio di Massimo Lopez di sperimentare una carriera da solo. Ne seguì una collaborazione Solenghi-Marchesini nel 1994: La rossa del Roxy Bar ma, contemporaneamente, la pubblicazione del libro Uno e Trino di Tullio Solenghi confermò la fine di un boom di comicità durato più di dieci anni. (wikipedia).

L’artrite reumatoide (AR) è una poliartrite infiammatoria cronica, anchilosante e progressiva a patogenesi autoimmunitaria e ad eziologia sconosciuta, principalmente a carico delle articolazioni sinoviali. Può provocare deformazione e dolore che possono portare fino alla perdita della funzionalità articolare.

Anna Marchesini ne soffriva da parecchio tempo. La causa di insorgenza della malatia non è completamente nota. Vi è una risposta infiammatoria della sinovia con rigonfiamento delle cellule sinoviali, eccesso di liquido sinoviale e sviluppo di tessuto fibroso nella sinovia. Colpisce anche l’osso sottostante e la cartilagine, con assottigliamento e distruzione. La condizione può anche manifestarsi con infiammazioni diffuse nei polmoni, nel pericardio, nella pleura, nella sclera dell’occhio e con lesioni nodulari diffuse nel tessuto sottocutaneo. La diagnosi viene principalmente fatta sulla base dei sintomi e con la radiografia. L’analisi del liquido sinoviale può contribuire alla diagnosi differenziale. (wikipedia)