Pomeriggio 5 Chi è Fausta Bonino l’infermiera accusata di aver ucciso dei pazienti all’ospedale di Piombino?


Pomeriggio 5 Chi è Fausta Bonino l’infermiera accusata di aver ucciso dei pazienti all’ospedale di Piombino? Proprio in questi giorni si è parlato molto di un’infermiera, Fausta Bonino, impiegata all’ospedale di Piombino, che è accusata di essere la responsabile della morte di ben 13 pazienti. Anche Barbara D’Urso a Pomeriggio 5 ha affrontato il caso. Ancora non si sa se sia veramente lei la colpevole, ma le prove sarebbero quasi schiaccianti. Ma chi è questa infermiera? Vediamo quindi insieme chi è Fausta Bonino l’infermiera accusata di aver ucciso dei pazienti. 

Chi è l’infermiera Fausta Bonino?

Proprio in questi giorni si è parlato molto di un’infermiera, Fausta Bonino, impiegata all’ospedale di Piombino, che è accusata di essere la responsabile della morte di ben 13 pazienti. Ancora non si sa se sia veramente lei la colpevole, ma le prove sarebbero quasi schiaccianti. Ma chi è questa infermiera?

Fanpage, descrivendola, scrive così: “E’ con questa accusa che i carabinieri del Nucleo Anti Sofisticazione di Livorno, coadiuvati da militari del Comando Provinciale, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Livorno, Antonio Pirato, nei confronti dell’infermiera Fausta Bonino, 56 anni originaria di Savona e residente a Piombino, sposata con due figli. Stando a quanto emerso nell’inchiesta, infatti, la donna sarebbe stata responsabile diretta della morti di 13 persone tra il 2014 e il 2015: si tratta di tutti pazienti ricoverati, a vario titolo e per diverse patologie, presso l’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale civile di Piombino.”

Repubblica, invece, la descrive così: “Fausta Bonino, infermiera di 55 anni, originaria di Savona ma in Toscana dagli anni ’80, è stata arrestata dai militari di Livorno con l’accusa di aver ucciso 13 persone tra i 61 e gli 88 anni, tutte ricoverate nello stesso reparto dell’ospedale toscano e con patologie per le quali la somministrazione dell’eparina non rientrava nelle possibili terapie. I pazienti erano in ospedale anche per patologie “recuperabili”, come la rottura del femore.

Il Fatto Quotidiano: “un’infermiera di 55 anni, Fausta Bonino, è stata arrestata dai carabinieri di Livorno: lavora all’ospedale di Piombino ed è accusata di aver ammazzato in un anno e mezzo 13 persone, tra i 61 e gli 88 anni, ricoverate nel reparto di rianimazione: pazienti in condizioni gravi, ma non terminali.

image