Chi ha vinto il Referendum costituzionale il si o il no risultati


Chi ha vinto il Referendum costituzionale il si o il no risultati? In attesa dei risultati del Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. Chi ha vinto? Referendum 4 dicembre 2016 ha vinto il si o ha vinto il no?

Chi ha vinto il Referendum costituzionale il si o il no risultati?

Ore 23 – Media Exit Poll: NO al 56,7% SI al 43,3% (dato skytg24)

Ore 23.40 Nuova exit poll: NO 57,7% e SI 42,3%

Media prima proiezione: No al 59,3% e Si aL 40,7%

Risultati- Repubblica.it alle ore 00.13 del 5 dicembre
Referendum, schiaffo a Renzi: No tra il 58 e il 60% 
Grillo esulta. Salvini e Meloni: “Dimissioni”

HA VINTO IL NO con il 59,1%

Renzi parole discorso risultati referendum cosa ha detto?

In attesa dei risultati referendum e del voto degli italiani sul referendum costituzionale del 4 dicembre 2015. Gli italiani sono stati chiamati al voto su questo quesito: «Approvate voi il testo della legge costituzionale concernente “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione” approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?»

Risultati Referendum costituzionale 4 dicembre 2016 chi ha vinto e diretta Tv

Diretta Tv sui canali Rai e Mediaset per conoscere i risultati del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. Come e dove seguire le varie trasmissioni televisive sui risultati del referendum?

Ecco dove potete seguire lo speciale Referendum costituzionale per conoscere percentuali e risultati:

Se volete seguire in streaming dal vostro Pc o tablet o smartphone i risultati basta collegarsi a questo sito.

REFERENDUM COSTITUZIONALE 2016 QUANDO SI VOTA E PERCHÉ

Domenica 4 dicembre dalle 7 alle 23 gli italiani sono chiamati al voto con un referendum costituzionale per approvare o respingere la riforma della Costituzione che porta il nome di Maria Elena Boschi, ministra per le Riforme costituzionali del governo di Matteo Renzi.

Il ddl Boschi è stato approvato in doppia lettura da Camera e Senato e, come prevede l’articolo 138 della Costituzione, è stato possibile richiedere il referendum perché il provvedimento è passato con una maggioranza inferiore ai due terzi dei componenti di ciascuna Camera. Per il referendum sono state raccolte le 500mila firme previste dalla legge.

Ma la consultazione si sarebbe svolta comunque perché a richiederla è stato oltre a un quinto di parlamentari sia di maggioranza sia d’opposizione.

A differenza del referendum abrogativo, per quello costituzionale non è previsto quorum: non è necessario, cioè, che vada a votare il 50 per cento più uno degli aventi diritto per rendere valido il risultato.

Referendum costituzionale risultati e riforma cos’è il voto a data certa?

SkyTg24 scrive: “L’articolo 72 della riforma costituzionale oggetto del prossimo referendum introduce l’istituto del “voto a data certa”. Di cosa si tratta? Della possibilità per il governo di richiedere una via preferenziale per l’esame di un disegno di legge considerato importante per l’attuazione del suo programma. La Camera avrà 5 giorni di tempo per votare a favore o contro la richiesta dell’esecutivo; in caso favorevole, entro 70 giorni dovrà decidere se approvare o respingere il provvedimento.”

LEGGI ANCHE:

Risultati referendum costituzionale 4 dicembre dove e come vederli in Tv e streaming

Risultati referendum 4 dicembre chi ha vinto dati e percentuali

Lite Giorgia Meloni e Matteo Renzi su referendum a Porta a Porta come è andata?