Come combattere il cancro secondo Umberto Veronesi e la sua ricerca


cancro_aCome combattere il cancro secondo Umberto Veronesi e la sua ricerca. L’oncologo Umberto Veronesi è morto l’8 novembre 2016 e ci ha lasciato una grande eredità con le sue molte ricerche per la lotta contro i tumori.

Come combattere il cancro secondo Umberto Veronesi e la sua ricerca

Umberto Veronesi fondatore e direttore scientifico dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano solo pochi mesi avvertiva tutti sulla pericolosità del tumore e diceva: “50 anni fa si ammalava di tumore un italiano su 30, oggi si ammala uno su 3 e in futuro si ammalerà uno su 2”. 

 

Secondo lo IARC, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, i dati sono piuttosto preoccupanti. Infatti viene stimato che in Italia vi siano nel corso dell’anno 363.300 nuove diagnosi di tumore (esclusi i carcinomi della cute), circa 194.400 (54%) fra gli uomini e circa 168.900 (46%) fra le donne.
Nel corso della vita circa un uomo su 2 e una donna su 3 si ammalerà di tumore.
Il tumore più frequente è quello della mammella (14%), seguito dal tumore del colon retto (13%), della prostata (11%) e del polmone (11%).
Veronesi ha sottolinato sempre l’importanza delle prevenzione: “Dei 20 milioni di italiani che oggi sviluppano un tumore nel corso della vita 14 milioni, il 70%, potrebbero essere salvati con la prevenzione e la diagnosi precoce”

Gli stili di vita moderni favoriscono l’insorgere del cancro e i motivi sono: l‘assenza di attività fisica, il consumo di zucchero, metalli pesanti e sostanze chimiche, frutta e verdura sono pieni di pesticidi.  I cosmetici, deodoranti, creme contengono sostanze chimiche e metalli pesanti. L’aria e l’acqua sono inquinate da piombo, arsenico ed altri metalli pesanti. La carne è piena di antibiotici ed ormoni. Tutte queste sostanze si depositano nei tessuti, interferiscono con le reazioni biochimiche vitali, danneggiano il DNA della cellula e quindi si crea il cancro. Farmaci e vaccini contengono metalli pesanti (in particolare mercurio e alluminio).
Questi sono solo alcuni dei fattori principali.

via dionidream