Come cambia la dieta a zona. Le novità e la dieta a blocchi


Prova costume e dieta a zona. Ma cosa c’è di nuovo? Si parla di dieta a blocchi.

Ecco cosa scrive il magazine “Starbene”. La dieta Zona è stata proposta dalla nutrizionista e naturopata Daniela Morandi, che è l’attuale coach di riferimento in Italia.
Questa dieta si basa su un metodo “a blocchi“, con cui vengono suddividi i pasti di ogni giorno.
Un blocco è composto da 9g di carboidrati, 7g di proteine e 3g di grassi e un pasto e una cena possono essere costituiti da 3 o più blocchi.
Per esempio in un pasto puoi trovare almeno 200g di verdura a basso indice glicemico e 1 mela (quota di carboidrati), 90 g di petto di pollo (quota di proteine) e 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva (quota di grassi).

Ecco un esempio della dieta Zona che deve poi essere personalizzata da un esperto in base alle abitudini della vita di ciascuno di noi.

1 – A colazione ad esempio troviamo caffè o te con 4 cracker ad alto contenuto di fibre (tipo Wasa fibra) e crema fatta con 160g di ricotta e 15g di marmellata senza zucchero, 6 mandorle. Come alternativa potete fare una mousse ottenuta frullando 80g di ricotta con 30g di prosciutto cotto sgrassato, 170g di fragole o 90g di mela o 100g di pera, 6 mandorle.

2 – Il pranzo pensato a chi ha poco tempo e mangia fuori casa, prevede un’insalata con 120g di tonno, 2 albumi d’uovo sodo, verdure miste come finocchi, cetrioli,pomodori, peperoni, sedano e melanzane grigliate.
non c’è limite al consumo della verdura, purché non siano legumi, patate, carote e mais. In alternativa potete mangiare 180g di mela o 200g di pera. E’ concesso un solo cucchiaio di olio extravergine di oliva.

3 – Per cena proteine, 120 g di pollo in salsa mediterranea, 170g di fragole fresche oppure 100 g di kiwi.