Come curare l’orzaiolo in modo naturale e in poco tempo?


Come curare l’orzaiolo in modo naturale e in poco tempo? L’orzaiolo, una delle infiammazioni degli occhi più fastidiose e dolorose che ci possano essere dopo la congiuntivite. Mette ko gli occhi di molte persone, infatti è molto facile che crescano, in particolare in periodi di stress intenso. Ma di cosa si tratta precisamente? E come si può curare in modo naturale e in poco tempo senza sentire troppo dolore causato da questa brutta infiammazione?

Cos’è l’orzaiolo e come si previene?

L’orzaiolo è un’infiammazione delle ghiandole presenti alla base delle ciglia causata da un’infezione batterica causata da stafilococco. Può formarsi sia interiormente che esteriormente alla palpebra. Se si è formato interiormente vuol dire che l’infiammazione ha colpito la ghiandola di Meibomio, mentre se si è formato esteriormente alla palpebra vuole dire che l’infiammazione ha colpito la ghiandola di Zeis.

Nel momento in cui il dotto della ghiandola di Meibomio viene completamente ostruito dalla presenza dell’orzaiolo può essere che esso diventi cronico e diventi un calazio.

Ma come si fa a riconoscerlo? È molto semplice perché si presenta come un rigonfiamento della palpebra accompagnato da dolore e fastidio che si intensificano quando lo si tocca o si strizza l’occhio. Nei casi più gravi può essere accompagnato da un po’ di febbre, ma in ogni caso è una infiammazione completamente curabile e non grave.

La regola base per prevenire l’orzaiolo è quella di avere una buona pulizia giornaliera degli occhi, un po’ d’acqua basterà per togliere le piccole impurità che si formano durante la notte per esempio.

Come si cura l’orzaiolo in modo naturale e veloce?

Curare un orzaiolo è molto semplice. Se non si ha voglia di curarlo si deve sapere che non è un’infezione grave e nel giro di pochi giorni andrà via da solo, ma se si vuole velocizzare il processo i rimedi naturali sono molti.

Considerando che quella in cui si formano gli orzaioli è una parte del volto molto delicata si deve sempre fare molta attenzione ed evitare trattamenti troppo aggressivi e soprattutto si deve evitare di schiacciarli per non diffondere ulteriormente l’infezione. 

Per curarlo e farlo guarire più velocemente si deve prima di tutto disinfettarlo, e per fare questo ci si deve armare di cottonfioc, shampoo delicato per neonati e un po’ di acqua tiepida: si mette qualche goccia di shampoo per bambini in un bicchierino piccolo di acqua e si mescola fino a che non si sono miscelati. Con un cottonfioc si preleva un po’ del liquido e delicatamente e soprattutto con gli occhi chiusi si passa il composto sulla zona dove si ha l’orzaiolo. (fonte: orzaiolo.com)

Un altro metodo naturale che può aiutare a calmare l’infezione è quella di fare degli impacchi di camomilla o di Tè verde sempre tenendo gli occhi ben chiusi. Si aspetta che la camomilla o il Tè verde siano tiepidi e li si appoggia sull’occhio con una garza o con un dischetto di cotone.

Un rimedio della nonna che però sembra essere molto efficace è quello di guardare nella bottiglia dell’olio appena svegli. Sostanzialmente si deve appoggiare l’occhio nella fessura della bottiglia dell’olio perché sembra che l’olio abbia delle proprietà antidolorifiche. (fonte: greenme.it)

image