Come e quali sono i cibi contaminati da evitare secondo Coldiretti?


Come e quali sono i cibi contaminati da evitare secondo Coldiretti? La Coldiretti ha finalmente pubblicato la tanto attesa blacklist dei cibi contaminati provenienti da tutto il mondo che tanto stavamo aspettando. Ma quali sono? E da dove arrivano? Ecco quindi che per rispondere a queste domande vedremo come e quali sono i cibi contaminati da evitare secondo la Coldiretti.  

Come e quali sono i cibi contaminati da evitare secondo Coldiretti?

Come scrive www.ilfattoquotidiano.it questi cibi sarebbero contaminati e quindi pericolosi per la nostra salute a causa: “Risultati pubblicati nelRapporto 2015 sui Residui dei Fitosanitari in Europa che dimostrano come questi prodotti contengano residui chimici, micotossine, additivi e coloranti al di fuori dalle norme di legge.”

Insomma, sono prodotti che possono danneggiare davvero la nostra salute e che quindi è meglio evitare. Dopo la carne rossa, quindi, l’allarme riguarda proprio alcuni cibi provenienti da alcuni paesi del mondo che sono comunemente negli scaffali dei nostri supermercati. Ma quali sono?

Fra i cibi più pericolosi e cancerogeni per il nostro organismo ci sono sicuramente i broccoli provenienti dalla Cina, il prezzemolo dal Vietnam e il basilico proveniente dall’India. 

Sempre come riporta ilfattoquotidiano.it, la Cina manterrebbe il primato per quanto riguarda la scarsa qualità dei suoi prodotti che poi vengono importati nel nostro paese. Questo è quello che scrivono: “La conquista della vetta della classifica da parte della Cina non è un caso, poiché il gigante asiatico – ricorda la Coldiretti – anche nel 2015 ha conquistato il primato nel numero di notifiche per prodotti alimentari irregolari. Su un totale di 2.967 allarmi per irregolarità segnalate in Europa, 386 (15%) hanno riguardato Pechino, che inItalia nello stesso anno ha praticamente quintuplicato (+379%) le esportazioni di concentrato di pomodoro che hanno raggiunto circa 67 milioni di chili nel 2015, pari a circa il 10% della produzione nazionale in pomodoro fresco equivalente.” Per quanto riguarda il prodotto specifico di cui stiamo parlando, quindi i broccoli cinesi, addirittura il 92% risulterebbe contaminato da sostanze chimiche altamente dannose per il nostro organismo, e quindi sarebbero irregolari e al di fuori degli standard prefissati.

Come consumare carne e salumi nel modo giusto per un’alimentazione corretta?

image